GENERE: Drammatico ANNO: 1956 REGIA: Mario Camerini ATTORI: Emma Baron, Marisa Belli, Piero Boccia, Bruna Carletti, Cristina Cataldi, Aristide Catani, Bruna Cealti, Antonio Cifariello, Bianca Doria, Paolo Ferrara, Eugenio Galadini, Salvo Libassi, Margo Mannelli, Anna Magnani, Ugo Mari, Leonilde Montesi, Giuseppe Picchi, Aldo Pini, Roberto Rai, Nanda Primavera, Luisa Rossi, Eleonora Rossi Drago, Sara Simoni, Lina Tartara Minora, Miriam Pisani, Attilio Torelli, Giancarlo Zarfati, Nicola Maldacea Jr. SCENEGGIATURA: Mario Camerini, Siro Angeli, Vito Blasi, Ugo Guerra, Mario Guerra, Ennio De Concini, Piero De Bernardi, Amleto Micozzi, Virgilio Tosi, Leo Benvenuti, Aldo Paladini FOTOGRAFIA: Gianni Di Venanzo MONTAGGIO: Giuliana Attenni MUSICHE: Angelo Francesco Lavagnino PRODUZIONE: SANDRO PALLAVICINI PER RIZZOLI FILM, PALLAVICINI DISTRIBUZIONE: COLUMBIA CEIAD PAESE: Italia DURATA: 98 Min FORMATO: SCHERMO PANORAMICO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato da Film Girati A Ischia su Sabato 5 gennaio 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

Suor Letizia, dopo aver operato in missioni africane, viene inviata a chiudere un convento su un'isola del golfo di Napoli e, appena arrivata a destinazione, si impegna con successo per ottenere delle buone offerte per la vendita dei terreni del convento. Qui conosce un bambino di nome Salvatore a cui si affeziona.

Con grande abilità poi, suor Letizia va oltre il compito affidatole e si impegna per evitare la chiusura del convento, e per riaprire l'asilo infantile che un tempo le suore tenevano; così viene mandata a monte la vendita.

Durante il suo soggiorno si affeziona sempre più al piccolo Salvatore, orfano di padre, la cui madre pensa di sposarsi per una seconda volta. Il fidanzato di lei però non ha nessuna intenzione di prendere Salvatore nella futura famiglia e la donna, messa alle strette, alla fine sceglie di seguire il fidanzato a Napoli e di lasciare Salvatore nel convento, affidandolo a suor Letizia. A partire da questo momento, Suor Letizia inizia a sentirsi sempre meno suora e sempre più donna e madre, desiderosa di proteggere il piccolo cui si affeziona a tal punto da trascurare i propri doveri.

L'attaccamento di Suor Letizia al bambino viene notato delle suore, che le fanno notare con rispetto come la sua preferenza sia ormai evidente a tutti gli altri bambini dell'asilo. Richiamata a Roma, Suor Letizia decide di portare con sé Salvatore con la disapprovazione delle consorelle. La notte prima di partire, però, il bambino dimostra chiaramente a suor Letizia che lei non potrebbe sostituire nel suo cuore la madre come, fino a quel momento, ella si era illusa di poter fare.

Il giorno dopo suor Letizia decide di anteporre il bene del bambino al proprio: si reca così a Napoli anziché a Roma, riportando il piccolo alla madre e intervenendo energicamente di fronte al fidanzato, affinché questi accetti Salvatore nella nuova famiglia. [1]